Molti dinosauri erano erbivori, compresi i giganteschi Sauropodi che suscitavano tanta meraviglia. Essere erbivoro comporta una serie di condizioni e "problemi anatomici" che i carnivori non hanno. I vegetali offrono uno scarso potere nutritivo che deve essere compensato con la quantità inoltre l'assimilazione delle fibre, sempre lunga e faticosa, richiede un apparato digerente molto sviluppato. I dinosauri inghiottivano, senza masticare, le foglie tenere delle numerose varietà di felci e dei giganteschi equiseti ma anche quelle più legnose delle conifere, delle cicadi (una specie di antenate della palma), delle magnolie e anche delle quercie. Pietre ruvide e pigne, appositamente inghiottite e espulse con le feci, degradavano le materie vegetali in una specie di ventriglio muscoloso che liberava lentamente le sostanze nutritive, forse allo stesso modo dei ruminanti.
Ossa massiccie di due Sauropodi rinvenute negli Stati Uniti dimostrano che sono esistiti dinosauri ancora più grandi di quelli che conosciamo. In attesa di altri ritrovamenti, che permettano di ricostruire lo scheletro, sono stati intanto battezzati: Supersaurus e Ultrasaurus.

Al Mamenchisaurus (nome che deriva da Mamenchi, la città dove fu scoperto) spetta il primato del collo più lungo (10 m) tra tutti gli animali conosciuti, il che gli offriva notevoli vantaggi sugli altri erbivori.

Il Diplodocus aveva una lunghezza media di 26 metri, la maggior parte della quale spettava al collo (7m) e alla coda (14 m), il suo peso perciò non era da primato e raggiungeva di solito "soltanto" una decina di tonnellate. Come tutti i Sauropodi aveva una testa molto piccola dal muso allungato.

Il gigantesco Apatosaurus era una volta noto col nome più familiare e descrittivo di Brontosauro, ossia "lucertola dal tuono" per il rumore che provocava portandosi in giro le sue 30 t di peso. Come il Diplodocus si alzava sugli arti posteriori per raggiungere le cime più tenere degli alberi. La massa del corpo era anche la sua difesa contro i carnivori. si alzava sulle zampe posteriori e si lasciava ricadere sul malcapitato assalitore.

Le specie erbivore, discesero dai coelurosauri, cioè con i prosauropodi. Avevano anch'essi collo lungo, testa piccola e denti affilati, ma le zampe erano corte in rapporto all'enorme tronco. La loro mole porta a pensare ad una parentela con i coelurosauri, tuttavia essi furono protagonisti di una radicale trasformazione nel modo di vita dei dinosauri. La dentatura da carnivori si modificò e lo stomaco assunse la capacità di digerire i tessuti vegetali. Assieme all'aumento di taglia, un altro importante cambiamento si verificò nei dinosauri: i prosauropodi furono i primi dinosauri a sangue caldo, capaci cioè di controllare la temperatura corporea grazie alle loro enormi dimensioni. Nel centro della città di Bristol è stato rinvenuto un esemplare di Thecodontosaurus, lungo 2 metri nei resti di una grotta franata e in Argentina è stato trovato il piccolo Mussaurus, un dinosauro-topo di appena 20 cm. Non si può avere la certezza basandosi solo sulla taglia che questi individui fossero realmente divenuti erbivori tuttavia la loro natura è attestata per esempio dalle dimensioni dei tipi più grossi, come il Plateosaurus lungo 6m. trovato in Germania e il Riojasaurus dell'Argentina, lungo 12 m. e dal ritrovamento delle loro impronte che testimoniano un'organizzazione in branchi. Alla fine del Triassico comparve un tipo di dinosauri ornitischi bipedi, erbivori e lunghi circa 1 m. tra cui il Lesothosaurus; alcuni esemplari passavano le stagioni calde infossati in buche scavate nel fango, come fanno ancora oggi i coccodrilli africani.





Previous - I primi dinosauri Paths Percorsi di navigazione Next - Il ritorno al mare

Periodi dell'Era Mesozoica
Triassico|Giurassico| Cretaceo

I Dinosauri da Record

Argomenti del Periodo Triassico
Inizio del Periodo Triassico| L'epoca dei Dinosauri| L'origine dei Dinosauri
Saurischi ed Ornitischi
I primi Dinosauri| I Dinosauri erbivori| Il ritorno al mare
Rettili che si nutrono di Organismi Marini| Rettili volanti e Rettili plananti
I Paracadutisti
Argomenti del Periodo Giurassico
Le ammoniti| I Pesci Lucertola| Il Plesiosauro| I Coccodrilli
Le Piante terrestri del Giurassico| I Dinosauri più grandi
I Brontosauri acquatici|I Dinosauri Carnivori| I Dinosauri Aculeati
Le Mandrie di Erbivori| Rettili volanti rivestiti di Pelliccia
I Mammiferi con Pelliccia| Gli Atolli del Giurassico a Solenhofen
Il primo Uccello: Archaeopteryx| Il Ginkgo

Argomenti del Periodo Cretaceo
Le Praterie del Cretaceo|Artigli| I Mari di Gesso| I Serpenti di Mare
Gli Insetti del Cretaceo| I Primi Fiori| I Dinosauri Corazzati
I Dinosauri Zucconi| I Dinosauri dotati di corna
I Dinosauri a Becco d'Anitra| L'Asilo-nido dei Dinosauri| Il Tyrannosaurus Rex
Duello Mortale| I Dinosauri Struzzo| Una Corazza Particolare
Gli Uccelli dentati del Cretaceo| L'Ascesa degli Uccelli| Il Quetzalcoatlus
I Mammiferi notturni

L'estinzione dei Dinosauri: catastrofe improvvisa o morte lenta?

DinoRings



View my Graphic Web Graphic by Bora

Mail to Bora Sign and View my Guestbook
Affida la tua mail al mio postino...
È lento ma arriva sempre!
Corri anche tu a firmare
il mio guestbook



Quick-Mail
Name:
E-mail:
Message to Webmaster:


Visitors: